Atletica Estrada - sito ufficiale

lunedì 19 dicembre 2011

IL NOSTRO GRANDE PRESEPE


 
Si rinnova anche quest’anno la tradizione con il grande presepe allestito presso la nostra sede in Via Pontirolo a Treviglio.
Suggestivo e maestoso come sempre, il presepe collocato all’interno del Casale Cappuccini, è sempre aperto il sabato e nei giorni festivi dalle 10 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 19.
E’ anche possibile effettuare visite su appuntamento (es. per gruppi e scolaresche) chiamando il numero 3457901490 o inviando una mail a plgiuliani@alice.it).

domenica 18 dicembre 2011

Buon Natale

LA NOSTRA FESTA
18 DICEMBRE 2011 ALLE 15.30

A CARAVAGGIO
PRESSO LA PALESTRA GRANDE (SCUOLA MEDIA)
INGRESSO DA PIAZZALE MORETTINI (DAVANTI AL BAR DEL CENTRO SPORTIVO)


sabato 10 dicembre 2011

BAGNOLO CREMASCO: UNA BELLA REALTA'

Grande festa al termine del quarto anni di attività
Il 4 novembre si è svolta per il terzo anno la festa in pizzeria con i ragazzi e ragazze del CAS di Bagnolo Cremasco e il nuovo CAS di Ripalta Cremasca (presente anche l'Assessore allo Sport di Ripalta. La serata si è svolta in un clima festoso e familiare, alla quale hanno partecipato la quasi totalità degli atleti e loro genitori.
Marcello De Bernardis, insieme ai giovani tecnici Anna Marchesi e Andrea Cacopardo, ha ripercorso la storia di questa bella realtà di cui è fondatore e appassionato sostenitore, ricordando, quattro anni addietro il suo primo incontro con la nostra Associazione nel corso del quale con Paolo Brambilla (DT) e Gigi Giuliani (presidente) è nata l'idea di poter fare atletica nella zona del Cremasco. "Conoscendo la realtà  della zona proposi di far iniziare il progetto a Bagnolo. Ero un pò preoccupato." - dice Marcello che, però "oggi, con orgoglio, mi trovo un gruppo sempre più crescente dove i ragazzi e le ragazze danno il notevole contributo di crescita in un clima amichevole, dimostrando impegno e costanza. Ringrazio le famiglie per la loro fiducia e costante attenzione che dimostrano nel portare i loro figli agli appuntamenti, spronandoli in una disciplina sportiva poco visibile nei media di oggi. Mi piace ricordare che oltre ai numeri stiamo ottenendo anche risultati in termini sportivi e ho fiducia che anche questi cresceranno. Ho la fortuna, e ringrazio, di non essere più solo nel progetto, è arrivata dallo scorso anno la collaborazione di Anna, una bravissima istruttrice che si è subito fatta voler bene, e da poco Andrea che ha dimostrato grande passione." E noi ti rigraziamo tanto, carissimo Marcello per il preziosissimo lavoro che stai facendo. Oltre tutto dando l'esempio sportivo di essere anche atleta: complimenti, infatti, per il titolo di campione provinciale di maratonina conseguito meritatamente a Crema e con l'ottimo tempo al di sotto dell'ora e mezza.

mercoledì 30 novembre 2011

BOTTONE D’ORO ALLE ESORDIENTI


Laura Minuzzo, Beatrice Gritti, Valeria Paccagnella

A Bolgare trionfo della staffettina 3x1000 di cross

Archiviato il capitolo delle campestre scolastiche distrettuali e in attesa della finale provinciale di Martinengo, l’atletica leggera, in questo scorcio di fine autunno ed inizio inverno, si ritrova a fare mezzofondo attraverso l’attività crossistica.
La scorsa settimana, la tappa di questo movimento si è concentrata sul 3^ Trofeo del Bottone a Bolgare per la caratteristica manifestazione di cross incentrata sulla formula delle staffette 3x1000.
Complessivamente buono il risultato delle cinque staffette Estrada presenti a questa gara regionale. “Bottone” d’oro alla squadra delle esordienti composta da Laura Minuzzo, Beatrice Gritti e Valeria Paccagnella, una vittoria importante che sigilla definitivamente la bella stagione di queste ragazzine. Il tempo finale di 12’45”1 con distacco di oltre mezzo minuto sulla seconda (Gav Vertova) si commenta da solo. Paccagnella e Minuzzo dal prossimo anno saranno chiamate al cambio di categoria; il biglietto da visita lasciato in questi anni da esordienti ci fa ben sperare per il futuro, mentre per la più giovane Gritti sarà l’occasione di confermare quanto di buono messo in mostra nel corso di questa annata, con la responsabilità di portarsi sulle spalle il ruolo di capitana del mezzofondo esordienti.
I coetanei Leonardo Pioldi, Alberto Putti e Filippo Rotta si sono classificati al quinto posto con il tempo di 12’22”9, sopravanzati dalle compagini montanare tradizionalmente più forti in questa specialità.
Quarta piazza per la staffetta dei ragazzi composta da Emanuel Ihemeje, Gabriele Gianatti e Soufiane Tahrir, a pari merito con il team del Gruppo Orobico Sportivo con identico tempo di 11’09”2, abbastanza lontano dalla zona medaglie.
Infine, le ragazze e cadette che chiudono entrambe al sesto posto. Le prime (Francesca Caseri, Simona Conti e Lucrezia Gritti) con il tempo di 12’30”6 e le seconde (Anna Ciccarelli, Alice Colonetti e Lucrezia Spotti) in 12’04”8.

lunedì 7 novembre 2011

giovedì 3 novembre 2011

TRIPLETE OROBICO PER DIANA GUSMINI

 
 
Dopo cross e 1500, suo anche il titolo su strada
La prima domenica lontani dalle piste - la stagione si è conclusa la settimana scorsa -, ci porta alla ribalta il mondo del mezzofondo ello che in questi mesi d'autunno e inverno, sarà il principale protagonista con le corse su strada e le campestri. Insomma, nell'atletica leggera c'è sempre da sudare e col mezzofondo la fatica non conosce le stagioni.
In verità, con le gare su strada si era già partiti il nove ottobre scorso, ma la coincidenza con i campionati italiani allievi di Rieti con i trionfi tricolori di Davide Carpani e Luca Cacopardo ci ha fatto tenere nel cassetto i primi risultati per poterli commentare con giusto rilievo alla prima occasione.
Una scelta opportuna perché in occasione del XXI Memorial Albergoni, svoltosi a Presezzo, l'allieva Diana Gusmini ha conseguito una importantissima vittoria che l'ha incoronata campionessa provinciale di corsa su strada, per una perfetta e soddisfacente tripletta personale dopo i titoli conseguiti nel corso dell'anno nel cross e sulla distanza dei 1500 metri.
Nella stessa occasione il nostro gruppo del mezzofondo ha trovato anche compattezza di risultati come denota il terzo posto nella classifica finale a squadre, dietro a compagini provinciali quasi esclusivamente dedite a questa disciplina (Casazza e Gav Vertova). A dare corpo a questa classifica sono stati soprattutto i piazzamenti individuali particolarmente rilevanti, come gli argenti di Soufiane Tahrir nella categoria ragazzi e di Valeria Paccagnella tra le esordienti, categoria, quest'ultima che trova Leonardo Pioldi al quarto posto e Filippo Rotta ottavo. Ma nel complesso tutti hanno fatto del loro meglio: Alice Colonnetti e Anna Ciccarelli per le cadette, Lucrezia Gritti e Francesca Caseri per le ragazze, Emanuel Ihemeje per i ragazzi e, dietro alla citata Paccagnella, le compagne Laura Minuzzo, Beatrice Gritti e Giada Marconi. Da segnale l'ottima prova, tra gli juniores, di Simone Viola, secondo sul traguardo ed il sempre regolare Gabriel Ciocca, ottavo tra gli assoluti.
Al positivo esordio delle corse su strada è venuta meno la continuità nell'appuntamento di Vertova, al 46° Memorial A. Zanni di questo weekend, dove la squadra si è classificata solo al sesto posto. Tre posizioni più giù rispetto a Presezzo che rispecchiano la giornata meno brillante delle punte. Infatti Diana Gusmini, forse appagata del titolo, chiude al settimo posto. Si difende molto bene e con caparbietà Soufiane Tahrir che conferma l'argento di Presezzo e quindi il migliore di tutta la squadra a Vertova, con Valeria Paccagnella sesta nella frazione riservata alle esordienti. Anora ad alti livelli invece Simone Viola che ripete anche a Vertova l'argento di Presezzo tra gli junior e Gabriel Ciocca, nono assoluto.

domenica 23 ottobre 2011

ULTIMO POKER NELLA GARA DI CHIUSURA

Lucrezia GrittiGiorgio Bosco

In archivio la stagione su pista, aspettando le indoor

Il Trofeo delle Province è stato l'ultimo atto della stagione agonistica su pista. A Rodengo Saiano è andata in archivio anche l'edizione 2011 che ha coinvolto ragazzi e ragazze delle province lombarde in rappresentanza dei rispettivi comitati provinciali. A vestire la maglia della compagine bergamasca sono stati chiamati nove giovanissimi del nostro vivaio che nel complesso hanno portato una consistente dote di punti tant'è che la squadra ha confermato il secondo posto in Lombardia in una classifica avulsa che ha visto primeggiare come sempre Milano che però raggruppa territorialmente anche le province di Lodi e Monza Brianza.
Sul campo hanno dato meglio i maschi, confermando l'esito dei campionati regionali di società che a giugno li aveva visti grandi protagonisti con la conquista del titolo. Su tutti i giovani lanciatori, in primis Giorgio Bosco che ha vinto la gara del vortex con la fantastica misura di 60,40 che se pur di poco inferiore al suo personale di 61 metri è sempre la le migliori prestazioni di sempre. Dietro a lui il compagno di squadra Lorenzo Colpani con un exploit altrettanto importante fissando a 60,33 il suo personal best migliorato di ben 4 metri. Bravo Soufiane Tahrir nella frazione a lui assegnata della 3x800 finita al secondo posto. Bronzo per Alfredo Romano nei 60 hs e a sua volta col personale di 9"42 e con Emanuel Ihemeje sesto. Settima piazza per Tommaso Martelli nel peso con 13,07. Tra le femmine il miglior piazzamento l'ha ottenuto Michela Goffi nella 4x100, seconda con 54"50. Quinta Laura Monterisi nei 60 piani in 8"80, mentre Francesca Facchinetti è nelle dieci nei 60 hs (10"42).
Il giorno prima a Bergamo c'era stata anche la classica gara di chiusura provinciale riservata alle categorie giovanili e occasione per dare giustamente sfogo soprattutto ai piccolissimi esordienti che hanno risposto numerosi all'appuntamento. Tra i risultati da segnalare la vittoria di Lucrezia Gritti nei 60 piani ragazze con 8"9 se pur a pari merito con una coetanea di Brembate. In questa categoria è arrivato anche il secondo posto della 4x100 con Chiara Dognini, Simona Conti, Francesca Caseri e la stessa Lucrezia Gritti (58"0). Tra le cadette argento per Emma Robustelli che nel lungo atterra a 4,98 e bronzo per Anna Ciccarelli nei 300 piani con 44"1. Piazzamenti per il nuovo entrato Omar Zoccolanti che si è ben difeso nelle sue prime gare d'esordio sugli 80 e 300 piani cadetti.
E poi lo stuolo dei piccoli esordienti, un vivaio sempre florido per il nostro team. Per essi il meeting di Bergamo è stata l'ultima gara in questa categoria e dal prossimo anno saranno impegnati ad un livello superiore, come il caso, per le femmine, di Valeria Paccagnella (seconda nei 50 piani in 7"7), Laura Minuzzo, Martina Fusar Poli, Elisa Rossoni, Giada Marconi (terza nel peso con 9,83). Il quartetto Meziane, Minuzzo, Gritti B. e Paccagnella ha ottenuto l'argento nella 4x50.
Stesso discorso anche per i maschi. Prima del salto di categoria hanno lasciato il segno Filippo Rotta, vincitore dei 50 piani in 7"7 e Leonardo Pioldi che con i più "giovani" Daniele Erba e Francesco Mapelli si sono imposti nella 4x50 con un ottimo 30"0, tra i migliori tempi in regione. Un gruppetto di belle speranze che andrà a consolidare le fila delle squadre ragazzi, femminili e maschili, pronte all'assalto del titolo regionale 2012.
E per quanto riguarda la pista la stagione è davvero finita con un bilancio molto lusinghiero e sul quale torneremo con successive analisi. Intanto l'occhio e la preparazione sono già rivolti a gennaio quando si riprenderà con le gare indoor.

venerdì 14 ottobre 2011

SIMONA BOSCO PICCOLA STAFFETTA LOMBARDA

Simona Bosco



Campionessa italiana under 15

I Campionati italiani per regioni riservati agli under 15 (cadetti) e i campionati italiani di società under 23 (promesse e juniores) hanno chiuso la stagione 2011 dell'atletica leggera italiana.
Allo stadio "Armando Picchi" di Jesolo si è svolta la grande festa dei cadetti nell'unica e più importante gara nazionale riservata a questa categoria in cui oltre ai titoli individuali ha messo in palio anche il titolo per rappresentative regionali. La trasferta della nostra pattuglia composta da sei atleti, convocata con la "nazionale" lombarda, è stata nel complesso molto positiva, con la nota di eccellenza per Simona Bosco che, al suo primo anno nella categoria, coglie subito un titolo tricolore trascinando all'oro la staffetta lombarda con le compagne Spadotto, Franchina e Rega con l'ottimo tempo di 48"07, migliore prestazione italiana 2011 e a soli 4 centesimi dal record all time.
Ma la nostra giovane velocista si era messa in evidenza già alla seconda giornata di gare ottenendo la quarta piazza nella finale degli 80 in 10"37 a soli 6 centesimi dal bronzo e sette dall'argento e prima di tutte le altre lombarde. Il nome di Simona Bosco si aggiunge dunque a quelli degli altri compagni della nostra "scuderia" che quest'anno si sono laureati campioni d'Italia e cioè Marta Maffioletti, Laura Gamba, Luca Cacopardo e Davide Carpani.
Al titolo di Simona si accompagnano i risultati degli altri alfieri presenti a Jesolo e che hanno permesso alla rappresentativa della Lombardia di conquistare il titolo per regioni.
Emma Robustelli nel lungo gioca la sua carta migliore al primo salto con 5,21 che le varrà il settimo posto. In gara trova anche una misura superiore ma il salto è nullo per poco, poi la condizione non la regge (ricordiamo la sua lunga assenza dalla pedana dopo l'infortunio primaverile). Il suo è dunque un risultato da leggere in chiave sicuramente positiva.
Elisabetta Severgnini accreditata con il nono posto, risale la china raggiungendo l'obbiettivo di entrare nel lotto delle migliori nei lanci di finale dove trova la settima piazza con la misura di 11,39 e soprattutto la consapevolezza di poter essere competitiva al passaggio alla categoria superiore lavorando sulla tecnica.
Tra i maschi si fa luce Riccardo Brambilla, classe 97 (cioè al primo anno nella categoria cadetti). Eccellente la sua condotta di gara nella 4 km di marcia. Per la terza volta consecutiva in un mese, abbatte il proprio personale con 19'26"44, migliorandosi addirittura di un 1'15" rispetto a giugno. Il suo quinto posto in questi campionati è sicuramente da incorniciare.
Lorenzo Truzzi nei 300 hs paga un atteggiamento troppo difensivista in batteria che lo porta fuori dalla finale dei migliori otto. Ha modo di riscattarsi nella finale B dove però frena negli ultimi metri finendo così al 12 posto col tempo di 41"04 comunque vicino al suo personale.
Infine, capitolo a parte, il dramma di Mattia Lucchini che lanciato in batteria degli 80 faceva già intravedere un posto di rilievo per la finale quando, quasi in fondo al rettilineo, è costretto a fermarsi (strappo o stiramento, in settimana gli accertamenti). Complice dell'incidente anche il clima gelido che ha mietuto altre vittime illustri. Mattia lascia questi campionati con un grande credito verso la fortuna e lo attendiamo ad un ritorno da protagonista, come lo è stato per tutto il mese di settembre.
La finale oro dei Campionati Italiani di Società Under 23 si è tenuta a Modena, laureando campioni 2011 le migliori compagini del momento, entrambe laziali, l'Audacia Record per le femmine e il Rieti per i maschi. La Camelot Milano, se pur priva dei nostri calibri (Maffioletti, Gamba e Moro che lo scorso anno portarono la squadra al titolo), acciuffa un onorevole secondo posto grazie, come sempre, anche al generoso apporto delle nostre. Beatrice Mazza ne è l'esempio con tre gare sulle spalle: i 400 piani (ottava con 58"94), la 4x400 e soprattutto i 400 hs (1'04"53) dove coglie il bronzo. Tripla fatica anche per Federica Basani, schierata in entrambe le staffette, ma soprattutto protagonista nel salto in lungo col suo personale stagionale di 5,71 che le vale il terzo posto. Chiamata al doppio lavoro pure Roberta Ferri, nella 4x100 e nel triplo dove è sesta con 11,26. Atlete tutte juniores che hanno ben tenuto testa alle più esperte promesse. Tra queste merita attenzione il bronzo di Luisa Scasserra nel martello che con facilità (leggasi talento) sfiora la misura dei 50 metri, senza specifico allenamento che la porterebbe chissà dove.
Tra i maschi schierati con la 100 Torri Pavia (anch'essa seconda classificata), i lanciatori sono sempre una enorme risorsa di punti, a partire da Mattia Gabbiadini che in gara è capace di migliorare per ben due volte e addirittura di due metri il suo personale nel martello fissandolo a 59,33 prendendosi un meritato bronzo. E il personale (13,20) lo centra anche lo jr Mirko Bonacina nel peso (attrezzo di kg.7,260), dove è quinto e con la stessa posizione di classifica si piazza anche nel disco con 42,96. Punti preziosi arrivano anche dai 3000 siepi grazie allo jr Simone Viola che con la determinazione di sempre è buon sesto col tempo di 9'53"68.
Ora le ultime battute di pista saranno riservate a gare giovanili (domenica in programma il Trofeo delle Province per la categoria ragazzi) ario sulle piste outdoor con arrivederci al 2012.

giovedì 6 ottobre 2011

CACOPARDO E CARPANI CAMPIONI ITALIANI


Luca Cacopardo, Paolo Brambilla e Davide Carpani


Storica doppietta tricolore ai campionati italiani allievi
Ai due ori si aggiunge anche il bronzo della staffetta 4x400
La 46^ edizione dei Campionati Italiani allievi ha visto la festosa invasione di 1400 migliori giovani atleti under 17 d'Italia allo Stadio Guidobaldi di Rieti con l'impianto organizzativo degli Europei juniores del 2013 già definito. L'atmosfera del grande evento dà forte spinta e motivazione ai nostri giovani portacolori che già nella prima giornata di gare fanno presagire la possibilità di un colpo grosso. Infatti si mettono subito bene le cose sin dalle batterie di qualificazione, dapprima con Luca Cacopardo e poi con Davide Carpani che centrano senza problemi le rispettive finali dei 400 hs (55"59) e dei 400 (piani 50"11), lasciando già presagire le loro aspirazioni per un posto sul podio. Aspirazioni che trovano l'apoteosi con una mirabile e storica doppietta tricolore. Il primo a far palpitare i cuori è Luca Cacopardo nella finale dei 400 hs dove trova la lucidità e la capacità di sfruttare l'irreparabile errore del favorito livornese Mattia Contini che inciampa drammaticamente sul nono ostacolo, perdendo una scarpa e tutto il vantaggio sin lì meritatamente costruito. Ma il nostro Luca ha fatto la sua gara perfetta e senza sbavature, fermando il crono sul suo nuovo personale di 54"59. E così ad un anno di distanza vince il suo secondo titolo italiano, allora a Cles nella categoria under 15 e ora a Rieti al suo primo anno tra gli allievi.
Non passa più di mezz'ora e la trepidazione cresce ancora quando arriva il momento della finale dei 400 piani. Ma Davide Carpani è in grande giornata e fa centro con una gara da incorniciare (termina col personale dì 49"51), con partenza "controllata" e una progressione micidiale che l'ha portato dritto all'oro, mettendo in fila temibilissimi avversari che in batteria avevano evidenziato grandi ambizioni. Dopo il titolo di maggio ai campionati studenteschi, Davide incorona una stagione memorabile.

Matteo Ingiardi, Davide Carpani, Christian Cattaneo e Luca Cacopardo
Ma il bilancio della due giorni reatina si arricchisce di un'altra medaglia, la terza di questi campionati italiani: il bronzo nella staffetta 4x400. Matteo Ingiardi e Christian Cattaneo assieme a neo campioni italiani Cacopardo e Carpani sino all'ultimo hanno dato filo da torcere ai favoriti del Rieti (trascinati dal pubblico di casa) e alle Fiamme Gialle che hanno resistito con ogni mezzo (anche al limite del consentito) all'assalto finale di Davide Carpani, ultimo frazionista. Grandi emozioni e prestazione di ottimo livello. Di più non si poteva chiedere al nostro quartetto e lo dimostra anche il tempo di 3'24"80 migliorato di ben 4 secondi sul loro personale.
Con gli ori di Rieti si arricchisce ulteriormente la bacheca della nostra sede che ora conta ben 112 campioni italiani. Un numero che parla da solo e sottolinea la bontà e la qualità del lavoro che questo piccolo team riesce a fare sul territorio con grande merito al suo instancabile staff e principalmente al direttore tecnico Paolo Brambilla, principale artefice di questi "miracoli".
Ma la nostra pattuglia a Rieti era presente con altre forze. Michela Villa, non al meglio della condizione, sfiora per pochi centesimi l'accesso alla finale dei 400 hs fermandosi decima in batteria a 1'07". Anche Matteo Ingiardi, formidabile nella 4x400, si arrende nei 100 piani con 11"47. Onorano la loro partecipazione con discreti piazzamenti anche Diana Gusmini nei 1500 (5'12"04), Francesca Petrò nell'alto (1,50) e Sara Adobati nel lungo (4,87). Nella 5 km di marcia è purtroppo incappato in una giornata no Marco Arrigoni che ha duramente pagato l'elevato ritmo imposto dai primi, costringendolo al ritiro. Meglio Jacopo Farina che giro dopo giro ha condotto una gara accorta progredendo nel km finale, siglando il personale a 24'18"67.
Il prossimo weekend segnerà la chiusura della pagina agonistica nazionale per quanto concerne la pista. In programma a Modena la finale oro dei societari under 23 che vedrà schierati Beatrice Mazza (400 e 400 hs), Federica Basani (lungo), Roberta Ferri e Alberto Ghidotti (triplo), Luisa Scasserra e Mattia Gabbiadini (martello), Mirko Bonacina (disco) e Simone Viola (siepi).
Ma in calendario ci sarà anche per il Criterium Nazionale cadetti per rappresentative regionali con sede a Jesolo e che vedrà in pista con la maglia della Lombardia ben sei nostri atleti: Simona Bosco e Mattia Lucchini (80 piani e staffetta), Riccardo Brambilla (marcia), Lorenzo Truzzi (300 hs), Emma Robustelli (lungo) e Elisabetta Severgnini (peso).

giovedì 29 settembre 2011

RIZZI TESTIMONE PER LO SCUDETTO


Determinante per la vittoria della Riccardi ai tricolori assoluti



E’ stata la domenica dello scudetto assoluto. Dalla finale oro di Sulmona arriva un bilancio più che positivo per i nostri colori. Innanzitutto perché il nostro Daniele Rizzi è campione italiano con la Riccardi Milano. Determinante per la vittoria finale la sua volata nella 4x400 (in compagnia di Tortu, Angius e Diaz Martinez), ultima gara dei campionati. Il quartetto milanese, terzo al traguardo, insacca i punti necessari per cucirsi sul petto il tricolore 2011. Tra le squadre maschili, la 100 Torri Pavia si piazza quarta con l’apporto del martellista Mattia Gabbiadini.
Ardua l’impresa della Camelot contro la fortissima Audacia Record Atletica. Nonostante la pesante assenza di Marta Maffioletti, è stato encomiabile l’impegno della squadra tra le cui fila hanno ben figurato Maria Moro nel triplo (12,60) e Federica Basani nel lungo (5,51) e la sempre generosissima Laura Gamba protagonista di due superlative vittorie: nella 4x100 accanto a Manuela Levorato, Elena Sordelli e Michela D’Angelo (45”76) e nella 4x400 sempre in compagnia della Levorato e con Eleonora Sirtoli e Giulia Alberti (3’45”32).
Manca ora da assegnare lo scudetto under 23 per il quale l’appuntamento è fra due settimane a Modena dove rivedremo all’opera gli stessi giovani protagonisti, questa volta insieme alla categoria juniores.

Mattia Lucchini re della velocità lombarda U15


 
In Lombardia ancora gli under 15 protagonisti della settimana agonistica. Dopo i societari di Lodi della settimana precedente, cadetti e cadette si sono contesi i titoli lombardi individuali a Busto Arsizio.
Atleta del giorno è stato, senza ombra di dubbio, Mattia Lucchini. Ebbene, dopo lo scoppiettante esordio di Lodi dove a sorpresa fu vincitore degli 80 piani, ha dato conferma delle sue grandi potenzialità ripetendosi sul rettilineo di Busto con un netto ed ottimo 9”47 che lo laurea campione regionale. Due gare e due importanti vittorie, tra cui quest’ultima che gli vale di diritto il biglietto per gli italiani di Jesolo fra due settimane. Non c’è che dire o meglio ripetere quanto già indicato la volta scorsa: la stoffa c’è, adesso deve rendersene conto e saperla coltivare e mettere a buon frutto.
Al titolo di Mattia Lucchini fa da contorno la mezza dozzina di medaglie d’argento. A partire da Simona Bosco, seconda negli 80 piani con 10”39. Ancora grande il divario dalle regina Denise Rega ma, attenzione, Simona è al suo primo anno in questa categoria e poiché a Jesolo la “rivale” sarà schierata sui 300 piani, si prospetta una maglia da titolare sugli 80. Velocità lombarda che, nel corso dei campionati per regioni, sarà dunque tutta Estrada. Con Simona Bosco, in finale è andata e con merito anche la compagna Carol Cornaro che si è piazzata quinta in 10”80.
Il secondo argento femminile è stato appannaggio di Emma Robustelli nel salto in lungo con la misura di 5,12. Dopo il lungo stop nel corso di questa stagione annotiamo miglioramenti di settimana in settimana (a Lodi fece 4,94). Brava anche nel triplo dove conquista il bronzo con 10,53. Non basta a Elisabetta Severgnini il nuovo personale di 11,49 nel peso; anche per lei una medaglia d’argento comunque significativa perché avrà modo di migliorarsi ancora a Jesolo. Appuntamento che con rammarico non potrà mettere in agenda, la generosa marciatrice Elisabetta Gloriotti che per pochissimi centesimi non centra il minimo necessario. Questo di Busto è per lei un argento di consolazione (16’05”66 nella 3 km). Di tutt’altra specie la medaglia (sempre d’argento) accollata da Wanda De Capitani nella gara del martello (33,23) che la pone tra le prime in Lombardia, caricandola all’impegno del miglioramento. Sul secondo gradino del podio anche Riccardo Brambilla che ha condotto sempre al comando quasi tutti i 4 km di marcia cedendo sul finale per affaticamento. Prova del grande sforzo è il suo nuovo ottimo personale di 19’44”97 che si porterà come interessante credito ai nastri di partenza nella gara di Jesolo.
Per i più giovani c’è stata la trasferta di Soncino in occasione del locale meeting. Folta la partecipazione e brillanti i risultati con le vittorie di Omar Zoccolanti (80 cadetti), Manuel Bombelli (600 esord.), Federica Chiodo (50 esord.) e nei 1000 con Soufiane Tahrir (ragazzi), Daniela Della Frera (allieve) e Caterina De Bernardis (juniores).
E nel weekend lo scenario si sposta a Rieti per i campionati italiani allievi. La nostra pattuglia si presenta con una dozzina di atleti che tra specialità individuali e staffette cercheranno di ben piazzarsi.

mercoledì 21 settembre 2011

CDS REGIONALI CADETTI/E

POLE LOMBARDA




E tra gli allievi titoli a Cacopardo (400 hs) e Arrigoni (marcia)
Arrivano i primi verdetti di questa intensa stagione autunnale che vede impegnato il movimento dell'atletica leggera sino al 30 ottobre in un susseguirsi di appuntamenti di primo piano. Le giornate dell'ultimo weekend hanno dato vita ai campionati regionali, di società per cadetti e cadette e individuali per allievi ed allieve.
Il bilancio conseguito sul campo lodigiano della Fanfulla (partiamo con cadetti/e) è estremamente positivo per le nostre squadre under 15 che si sono ben battute al computo delle sedici specialità in programma, ottenendo l'argento con le femmine ed il bronzo con i maschi (ad uno solo punto dal secondo posto). Un risultato che, letto in logica di combinata, mette ancora una volta il nostro team al vertice dell' atletica leggera giovanile lombarda (e conseguentemente nazionale), oltre che provinciale: nessuna Società di Lombardia (e di provincia) sa mettere su piani così alti contemporaneamente le proprie squadre maschili e femminili. Un particolare al quale va aggiunto anche il positivo bilancio ottenuto a giugno con le squadre dei ragazzi (campione regionale) e ragazze (quarte): l'Estrada è prima assoluta in graduatoria.
Il risultato di squadra alla "Faustina" è anche la somma dei tanti momenti di gara che i nostri giovani atleti hanno saputo interpretare in modo encomiabile. Partendo dalle femmine, il riflettore punta dritto su Simona Bosco capace di una splendida doppietta negli 80 (10"46) e 300 piani (personale di 41"39). Vittoria anche per Emma Robustelli nel salto in lungo (4,94) alla quale aggiunge anche l'argento nel triplo (10,53). Il terzo oro è arrivato dalla 4x100 (51"96) per opera di Sofia Mariani, Sara Zucchelli, Anna Ciccarelli e Carol Cornaro. Altri 4 argenti hanno dato corpo alla classifica finale: Anna Maccagni nei 300 hs (49"56), Elisabetta Severgnini nel peso (11,08), Wanda De Capitani nel martello (35,38) e Elisabetta Gloriotti nella 3 km di marcia (16'29"29). E ancora a podio Carol Cornar negli 80 (quarta), Anna Ciccarelli nei 300 (quinta), Simona Signorelli nei 300 hs (quinta) e Sara Zucchelli nel triplo (quinta). Ma in un campionato a squadre i punti devono arrivare da tutte le specialità e così sono stati pesanti e determinanti quelli portati alla causa dalle mezzofondiste Alice Colonetti e Lucrezia Spotti (1000 e 2000), Lucrezia Calvi (lungo) e Giorgia Lucini (alto).
Il bronzo della squadra cadetti sta un po' stretto per via di un solo punticino che la separa dall'argento ottenuto dal Saronno, che pur senza vittorie contro le nostre tre individuali, è stata comunque più regolare. Ma diciamo chiaramente che questo risultato è davvero incoraggiante e la squadra è comunque la prima della provincia di Bergamo.
Individualmente scontata la vittoria di Riccardo Brambilla nella 4 km di marcia con l'ottimo personale di 19'45"87, bravissimo. Anche la galoppata vincente di Lorenzo Truzzi nei 300 hs era nell'aria, ma anche lui l'ha esaltata col bel personale di 40"63; lo stesso centra anche il bronzo (e personale) nei 300 piani (38"22). Sorprendente invece la vittoria nei 60 piani della new entry Mattia Lucchini, che con ben 3 metri di vento contrario, si è imposto col grande tempo di 9"66. Se ci crede potrà emergere in futuro. Sul podio della velocità anche Marco Vavassori (quarto con 9"89), Alessandro Spinelli (quarto nel giavellotto e sesto nel disco), Danny Legramandi (quinto e sesto negli ostacoli, 300 e 100). E poi i tanti punti alla causa accumulati da Omar Zoccolanti nell'alto (1,58), Marlin Haxhiu (peso e martello), Luca Onorati e Riccardo Piccin nel mezzofondo.
 




Marco Arrigoni
Luca Cacopardo

A Mariano Comense, invece erano in scena gli allievi per i regionali individuali. Non sono mancati alle attese Luca Cacopardo che ha fatto suo il titolo lombardo nei 400 hs grazie al personale di 54"78. Lo stesso atleta ha sfiorato la vittoria anche nel lungo, chiudendo al secondo posto (6,47) a soli 2 cm dal primo. Si laurea campione regionale anche Marco Arrigoni nella 5 km di marcia (personale di 22'42"33) che festeggia la vittoria con il compagno Jacopo Farima (ottimo quinto e personale di 24'37"39). Per il resto dobbiamo anche considerare che i notevoli acquazzoni hanno sicuramente ostacolato le prestazioni degli altri atleti in gara: Davide Carpani, secondo nei 400 piani in 50"20, Matteo Ingiardi (11"49 in batteria dei 100 e forfeit in finale con l'accredito del quarto posto), Simone Agliardi (comunque a personale negli 800 in 2'10"59) e per le femmine il buon 1'06"45 di Michela Villa quarta nei 400 hs; la quarta piazza anche di Francesca Petrò nell'alto (1,50) e i piazzamenti nel lungo di Michela Marazzi e Sara Adobati.
Per il resto del weekend, in pillole: la vittoria di Daniele Rizzi a Modena sui 400 under 23 (50"83) e quelle a Curno dei giovani ragazzi ed esordienti Emanuel Ihemeje (p.b. di 9"3 sui 60 hs), Valeria Paccagnella (7"2 nei 40 hs), e Leonardo Pioldi (doppietta nei 40 hs in 7"4 e nei 1000 in 3'39"2).

lunedì 19 settembre 2011

Regionali cadetti, pole Estrada




E tra gli allievi titoli a Cacopardo (400 hs) e Arrigoni (marcia)

Arrivano i primi verdetti di questa intensa stagione autunnale che vede impegnato il movimento dell'atletica leggera sino al 30 ottobre in un susseguirsi di appuntamenti di primo piano. Le giornate dell'ultimo weekend hanno dato vita ai campionati regionali, di società per cadetti e cadette e individuali per allievi ed allieve.
Il bilancio conseguito sul campo lodigiano della Fanfulla (partiamo con cadetti/e) è estremamente positivo per le nostre squadre under 15 che si sono ben battute al computo delle sedici specialità in programma, ottenendo l'argento con le femmine ed il bronzo con i maschi (ad uno solo punto dal secondo posto). Un risultato che, letto in logica di combinata, mette ancora una volta il nostro team al vertice dell' atletica leggera giovanile lombarda (e conseguentemente nazionale), oltre che provinciale: nessuna Società di Lombardia (e di provincia) sa mettere su piani così alti contemporaneamente le proprie squadre maschili e femminili. Un particolare al quale va aggiunto anche il positivo bilancio ottenuto a giugno con le squadre dei ragazzi (campione regionale) e ragazze (quarte): l'Estrada è prima assoluta in graduatoria.
Il risultato di squadra alla "Faustina" è anche la somma dei tanti momenti di gara che i nostri giovani atleti hanno saputo interpretare in modo encomiabile. Partendo dalle femmine, il riflettore punta dritto su Simona Bosco capace di una splendida doppietta negli 80 (10"46) e 300 piani (personale di 41"39). Vittoria anche per Emma Robustelli nel salto in lungo (4,94) alla quale aggiunge anche l'argento nel triplo (10,53). Il terzo oro è arrivato dalla 4x100 (51"96) per opera di Sofia Mariani, Sara Zucchelli, Anna Ciccarelli e Carol Cornaro. Altri 4 argenti hanno dato corpo alla classifica finale: Anna Maccagni nei 300 hs (49"56), Elisabetta Severgnini nel peso (11,08), Wanda De Capitani nel martello (35,38) e Elisabetta Gloriotti nella 3 km di marcia (16'29"29). E ancora a podio Carol Cornar negli 80 (quarta), Anna Ciccarelli nei 300 (quinta), Simona Signorelli nei 300 hs (quinta) e Sara Zucchelli nel triplo (quinta). Ma in un campionato a squadre i punti devono arrivare da tutte le specialità e così sono stati pesanti e determinanti quelli portati alla causa dalle mezzofondiste Alice Colonetti e Lucrezia Spotti (1000 e 2000), Lucrezia Calvi (lungo) e Giorgia Lucini (alto).
Il bronzo della squadra cadetti sta un po' stretto per via di un solo punticino che la separa dall'argento ottenuto dal Saronno, che pur senza vittorie contro le nostre tre individuali, è stata comunque più regolare. Ma diciamo chiaramente che questo risultato è davvero incoraggiante e la squadra è comunque la prima della provincia di Bergamo.
Individualmente scontata la vittoria di Riccardo Brambilla nella 4 km di marcia con l'ottimo personale di 19'45"87, bravissimo. Anche la galoppata vincente diLorenzo Truzzi nei 300 hs era nell'aria, ma anche lui l'ha esaltata col bel personale di 40"63; lo stesso centra anche il bronzo (e personale) nei 300 piani (38"22). Sorprendente invece la vittoria nei 60 piani della new entry Mattia Lucchini, che con ben 3 metri di vento contrario, si è imposto col grande tempo di 9"66. Se ci crede potrà emergere in futuro. Sul podio della velocità anche Marco Vavassori (quarto con 9"89), Alessandro Spinelli (quarto nel giavellotto e sesto nel disco), Danny Legramandi (quinto e sesto negli ostacoli, 300 e 100). E poi i tanti punti alla causa accumulati da Omar Zoccolanti nell'alto (1,58), Marlin Haxhiu (peso e martello), Luca Onorati e Riccardo Piccin nel mezzofondo.
Marco ArrigoniLuca Cacopardo

A Mariano Comense, invece erano in scena gli allievi per i regionali individuali. Non sono mancati alle attese Luca Cacopardo che ha fatto suo il titolo lombardo nei 400 hs grazie al personale di 54"78. Lo stesso atleta ha sfiorato la vittoria anche nel lungo, chiudendo al secondo posto (6,47) a soli 2 cm dal primo. Si laurea campione regionale anche Marco Arrigoni nella 5 km di marcia (personale di 22'42"33) che festeggia la vittoria con il compagno Jacopo Farima (ottimo quinto e personale di 24'37"39). Per il resto dobbiamo anche considerare che i notevoli acquazzoni hanno sicuramente ostacolato le prestazioni degli altri atleti in gara: Davide Carpani, secondo nei 400 piani in 50"20, Matteo Ingiardi (11"49 in batteria dei 100 e forfeit in finale con l'accredito del quarto posto), Simone Agliardi (comunque a personale negli 800 in 2'10"59) e per le femmine il buon 1'06"45 di Michela Villa quarta nei 400 hs; la quarta piazza anche di Francesca Petrò nell'alto (1,50) e i piazzamenti nel lungo di Michela Marazzi e Sara Adobati.
Per il resto del weekend, in pillole: la vittoria di Daniele Rizzi a Modena sui 400 under 23 (50"83) e quelle a Curno dei giovani ragazzi ed esordienti Emanuel Ihemeje (p.b. di 9"3 sui 60 hs), Valeria Paccagnella (7"2 nei 40 hs), e Leonardo Pioldi (doppietta nei 40 hs in 7"4 e nei 1000 in 3'39"2).

martedì 13 settembre 2011

Zucchinali, Gabbiadini e Bonacina re lombardi


Mirko BonacinaMattia GabbiadiniFederico Zucchinali

Ancora 13 vittorie nel weekend ed ora le cadette chiamate alla difesa del titolo
Tantissima carne al fuoco per il resoconto della settimana agonistica che ha visto ancora numerosi successi per i nostri colori. Dopo la dozzina di successi dello scorso weekend, sono tredici le vittorie conseguite sui campi di Chiari, Modena, Brescia, Alzano L.do e Scanzorosciate nell'ultima tornata agonistica.
Tra queste, le più importanti sono quelle ottenute dai lanciatori a Chiari in occasione dei campionati regionali individuali promesse e j uniores: un clamoroso tris dei giovani allenati dal tecnico Diego Parmesani. Infatti si sono laureati a pieni voti campioni regionali, nella categoria under 23, Federico Zucchinali nel disco con 44,35 e Mattia Gabbiadini nel martello, e tra gli junior, Mirko Bonacina che ha fatto centro due volte, sia nel disco (47,14) che nel peso (14,71). Da aggiungere l'argento di Roberta Ferri nel lungo jr (5,38), nonché i buoni piazzamenti di Daniele Rizzi (400 in 50"99), Paolo Vicario (triplo, 12,38), e Simone Viola (3000 siepi, 10'18"44).
La staffetta 4x400 allievi ha ottimizzato la trasferta di Modena al Trofeo Scianti nel corso del quale, unitamente alla vittoria, ha ben collaudato i meccanismi di gara in vista dei campionati italiani di ottobre. Il tempo di 3'28"01 è incoraggiante (3 secondi meno del precedente personale) e garantirà al quartetto l'inserimento nella prima serie nella finale di Rieti. Per Matteo Ingiardi, Luca Cacopardo, Christian Cattaneo e Davide Carpani si intravedono ulteriori margini di miglioramento e l'obiettivo podio ai tricolori può essere alla loro portata.
Tra essi, in settimana, Davide Carpani ha peraltro dimostrato di essere in palla anche in occasione del Gran Premio del Mezzofondo a Brescia con la vittoria nei 400 piani in 49"78. Nello stesso meeting ritocca il suo personale sugli 800 Gabriel Ciocca (1'59"22).
A livello provinciale si sono giocati una parte dei campionati bergamaschi individuali per cadetti e cadette nella serata dell'8 settembre ad Alzano L.do. Anche da qui le notizie sono confortanti con il bilancio di ben 4 titoli. Indossano la maglia di campioni provinciali under 15 Simona Bosco vincitrice degli 80 piani (10 netti) davanti alle compagne Carol Cornaro (seconda in 10"4) e Anna Ciccarelli (quarta, 10"7). Soddisfazione anche per Anna Maccagni per la vittoria con titolo nei 300 hs (50"0). Netta anche la supremazia della bravissima Elisabetta Severgnini nel lancio del peso, dominatrice della gara con 10,80. A chiudere le gare delle femmine, la terza e quarta piazza di Lucrezia Spotti e Alice Colonetti nei 2000 (rispettivamente 7'53"5 e 7'57"8) e Lucrezia Calvi e Giorgia Tura sugli 80 piani.
Per i maschi brinda al titolo provinciale Alessandro Spinelli vincitore della gara del giavellotto con la misura di 40,53 ma non dimentichiamo gli ottimi podi di Marco Vavassori (secondo negli 80 in 9"6) e Danny Legramandi (secondo nei 300 hs, 42"8) e Marlin Haxhiu (terzo nel peso, 9,26).
A contorno dei campionati riservati ai cadetti si sono svolte anche gare per ragazzi ed esordienti. In evidenza, tra le ragazze Michela Goffi nei 60 piani, vittoriosa in 8"3 (piazzamenti per Laura Monterisi, Francesca Caseri, Gabriele Spotti e Gabriele Vergani).
Tra i piccoli esordienti emerge Leonardo Pioldi, primo nei 50 piani in 7"8 e terzo nel lungo (3,39). Gare che vede anche il piazzamento di Davide Aiolfi. Tra le femmine la migliore è Valeria Paccagnella, argento nei 50 e piazzata nel lungo con la compagna Laura Minuzzo che non è da meno (terza nella velocità e quarta nel lungo).
Dopo un lungo stop, anche la marcia è ripartita. Il trofeo Frigerio si è radunato per la sua finale a Scanzorosciate. Nella gara ragazze è giunta settima Sara Mirto. Riccardo Brambilla conferma il secondo posto in regione tra i cadetti, sempre a pochi secondi dal primo. Marco Arrigoni giunge per primo al traguardo degli allievi, non senza fatica. Jacopo Farina, oggi risente eccessivamente della calura e chiude in coda al gruppetto.
E ora sotto con il primo importante appuntamento autunnale. A Lodi in questo weekend si giocano i societari per cadetti e cadette. Il nostro team è schierato con entrambe le squadre anche se l'occhio di riguardo (per le potenzialità del gruppo) è ovviamente puntato sulle femmine in quanto campioni regionali in carica. La difesa del titolo appare assai dura, staremo a vedere: ma l'Estrada non tira mai indietro quando c'è da lottare. 

lunedì 5 settembre 2011

La stagione riparte con dodici vittorie


QUELLA BRILLANTE DOZZINA

Lucrezia SpottiEmma RobustelliAnna Ciccarelli
La stagione è ripartita bene con dodici vittorie
La seconda parte di stagione è iniziata nel migliore dei modi. Il segnale di questa positiva ripartenza è sintetizzato nelle dodici vittorie conseguite nello scorso weekend, anche conseguenza della preparazione estiva svolta nel ritiro di Predazzo. E nonostante i carichi di lavoro siano ancora nelle gambe, le dodici vittorie, accompagnate da altri numerosi piazzamenti, sono il preludio di un finale di stagione che vedrà sicuramente protagonista l'Atletica Estrada.
La messe più abbondante è stata mietuta nella gara giovanile di Casazza dove dieci sono stati i successi per i nostri colori.
Nella categoria cadette la principale protagonista è stata Emma Robustelli che ha ottenuto una personale doppietta nel salto in lungo (4,84) e negli 80 piani (10"7). Vittorie anche per le compagne Anna Ciccarelli nei 300 (44"6) e Lucrezia Spotti nei 1000 (3'33"0). Tra i maschi positiva la prestazione della new entry Marlin Haxhiu, bronzo nel peso con la misura di 8,70.
Tra i ragazzi emerge Emanuel Ihemeje che fa sua la gara dei 60 hs in 9"4 seguito al terzo posto dal più giovane Gabriele Spotti (11"0) e al quarto da Gabriele Vergani (12"5). Peraltro Ihemeje trova l'argento anche nel salto in lungo con 4,25 (dietro ancora il compagno Vergani a 3,50). Argento anche per Soufiane Tahrir nei 1000 (3'08"7). Infine piazzamento nei 150 per Gabriele Spotti.
Meno gloria per le ragazze con ancora i carichi di lavoro di Predazzo da smaltire. Si piazzano dignitosamente Francesca Caseri (10"7 nei 60 hs e 22"9 nei 150) e Lucrezia Gritti (22"3 nei 150 e 3,26 nel lungo).
Scatenati gli esordienti. Valeria Paccagnella domina i 40 hs con l'ottimo 7"2 mentre la compagna Giada Marconi fa sua la gara del lancio del peso (attrezzo da 1 kg.) con 11,21. Vittoria a pari merito nei 40 hs anche per i maschi con Filippo Rotta e Leonardo Pioldi con il crono a 7"3. L'allegra compagnia Paccagnella-Pioldi-Rotta con l'aggiunta di Daniele Erba si aggiudica anche la staffetta 4x50 col tempo di 30"3.
Sempre sugli scudi i lanciatori. Nel Festival dei lanci (Meeting interregionale) di Milano, Mattia Gabbiadini dimostra di aver lavorato bene nel corso dell'estate cogliendo l'ennesimo successo nel martello con la misura di 57,58 vicinissima al suo personale. Personale che invece ha frantumato la cadetta Elisabetta Severgnini nel peso, vincendo la gara con 11,38 (a più di 20 cm dal precedente personal best). La stessa atleta si è cimentata per la prima volta anche nel disco (quarta con 18,11) soprattutto in prospettiva dei campionati di società.
Da ultimo segnaliamo l'argento dell'allievo Matteo Ingiardi a Cernusco sul Naviglio nella sua prima gara dei 400 piani (52"11) alla ricerca dei giusti ritmi da innescare nella 4x400 che, nel prossimo weekend a Modena, farà un importante test di rodaggio in vista dei campionati italiani di inizio ottobre.

lunedì 29 agosto 2011

Il ritiro a Predazzo


BYE BYE


IL RITIRO DELL’ATLETICA ESTRADA
La Val di Fiemme, al cospetto dell’imponente Cimon de la Pala, ha fatto da corollario al tredicesimo ritiro estivo dell’Atletica Estrada. Con base tecnica Predazzo e soggiorno residenziale a Bellamonte, 52 atleti hanno trascorso una settimana davvero importante, con l’obbiettivo di preparare al meglio gli appuntamenti della seconda parte di stagione, da qui sino a metà ottobre, dove, a seconda delle diverse categorie, saranno in gioco campionati regionali ed italiani, a livello individuale e societario.
Naturalmente l’esperienza del ritiro è stata anche l’occasione per rafforzare rapporti di amicizia e vita di gruppo, che stimolano a lavorare meglio e con maggiore determinazione. La cartolina che ci arriva da Predazzo è dunque beneaugurante per nuove imminenti imprese di questo formidabile gruppo.

domenica 17 luglio 2011

Emanuel Ihemeje, una perlina ad Aosta


Emanuel IhemejeMichela Goffi

Positiva la trasferta valdostana al Meeting Sandro Calvesi
Ultimi scampoli di stagione estiva per l'atletica leggera giovanile prima della pausa agostana ed ancora una volta, come è caratteristico di questi tempi, sono i meeting a farla da padroni. Due i principali campi gara dello scorso weekend, Aosta e Bergamo.
La nostra è stata una spedizione massiccia in Valle d'Aosta in occasione dell' VIII Meeting Internazionale alla memoria di Sandro Calvesi. Nel nuovo impianto Saint Christophe di Aosta, il meeting "Sprint & Hurdles" ha snocciolato un programma prevalentemente concentrato su velocità e ostacoli. 19 le nostre presenze in gara e lusinghiero il bilancio al termine della giornata agonistica, nonostante che alcuni riscontri cronometrici siano stati condizionati da un fastidioso vento contrario, quasi sempre sui meno 3.
Complessivamente bei risultati, dicevamo, con la ciliegina della vittoria di Emanuel Ihemeje nei 60 hs nella categoria ragazzi ottenuta con il suo nuovo personale di 9"64. Il giovanissimo atleta si sta mettendo davvero in luce, dando continuità alla brillantezza di risultati nel corso dell'anno, facendo scorgere doti e qualità che potrebbero farlo emergere in futuro. Da sottolineare che quella di Aosta è forse l'unica vetrina nazionale per questa categoria, quasi sempre relegata entro confini provinciali e raramente regionali. Sotto questa prospettiva, pertanto, sono da valutare con grande soddisfazione anche le prove delle ragazze, in particolare di Michela Goffi, argento nei 60 piani in 8"68 ad un soffio dalla vittoria. Con lei c'è anche un risultato di squadra che fa intravedere buone cose per il futuro della nostra velocità. Nella stessa gara infatti troviamo Laura Monterisi sul terzo gradino del podio (8"74) e Aurora Sambati sesta ((8"85) e più indietro Francesca Facchinetti (9"30). Quest'ultima però si mette in bella mostra nei 60 hs chiudendo al quarto posto (10"44) con la compagna Sambati quinta (10"72).
Michela Villa fissa a 31"02 il suo migliore tempo nell'insolita gara dei 200 hs, giungendo seconda nella categoria allieve. In questa fascia di età Fabio Tizzani fa la sua prima prova sui 100 piani chiudendo in 12"53.
Per quanto riguarda i cadetti, il miglior risultato femminile è di Simona Bosco nei 300 piani, terza in 41"67. La stessa atleta ci prova anche sulla più breve distanza degli 80, finendo settima con 10"62 davanti ai piazzamenti delle compagne Emma Robustelli (11"01), Lucrezia Calvi (11"30) e Giorgia Lucini(11"85). Nei 300 hs Anna Maccagni si piazza con 52"27.
Per un solo centesimo si deve accontentare dell'argento Lorenzo Truzzi nei 100 ostacoli cadetti (14"66) con Danny Legramandi, buon quarto con 14"82.
Fuori dal programma "Sprint & Hurdles", una parentesi dedicata anche ai salti dove troviamo Emma Robustelli a piazzare il suo personale nel salto triplo cadette con 10,31 che le vale l'argento.
Il secondo meeting del fine settimana si è tenuto a Bergamo con l'appuntamento interregionale tipicamente estivo, vista anche la denominazione "Trofeo dell'Anguria" alla sesta edizione. E l'anguria se la sono ben guadagnata e mangiata i nostri atleti ivi convenuti. A partire dalla ormai non più sorpresa Davide Carpani, vincitore dei 400 hs allievi con il bel nuovo personale di 55"60. Ottimo risultato che lo colloca sempre più stabilmente nei piani alti delle graduatorie nazionali 2011. E bravo anche Matteo Ingiardi, nella gara open dei 100 piani risultando il terzo degli allievi in gara (11"45). Chiude il capitolo under 17 Sara Adobati che però non va oltre la misura di 4,84 nel triplo.
Si ripete ancora e alla grande Mirko Bonacina che sbaraglia la concorrenza juniores nel lancio del disco, vincendo con 46,52 e ottenendo il personale di 14,76 nel peso, piazzandosi al secondo posto. Infine, fetta di anguria anche per Mattia Gabbiadini, secondo tra le promesse nel lancio del martello (54,38).

lunedì 11 luglio 2011

Anche la firma Estrada ai CdS Assoluti


Laura GambaMirko Bonacina
Maschi e femmine accedono alla finale oro tricolore

Quello appena trascorso è stato un lungo weekend interamente dedicato al settore assoluto. Come da calendario, in tutta Italia, infatti, a livello regionale si è svolta la seconda e ultima prova regionale dei campionati di società assoluti su pista, necessaria alla formazione definitiva della graduatoria delle big che si contenderanno lo scudetto a settembre e che si era parzialmente formata dopo la prima prova svoltasi il 14 e 15 maggio scorso.
Allora era un altro clima, mentre il caldo e l'afa pesanti hanno caratterizzato questi societari che si sono sbinati su due sedi lombarde: a Cinisello Balsamo con in pista le donne a Saronno dove protagonisti sono stati gli uomini.
Poiché buona parte di fieno (punti) era stata allora già messa in cascina, per molte squadre l'obiettivo di questa seconda fase era quello di consolidare le posizioni soprattutto nella copertura di alcune gare. Ed anche ora, come allora, l'Estrada - con i nostri atleti - ha posto la propria determinante firma sulla qualificazione per la finale tricolore femminile (Camelot) e maschile (100 Torri Pavia e Riccardi Milano).
Al Centro Sportivo Gaetano Scirea di Cinisello Balsamo, cinque le donne Estrada in gara a difesa della milanese Camelot. La palma della migliore va ancora una volta alla under 23 Laura Gamba che ha dominato la gara dei 100 piani con un bel 12"07 a conferma del suo buono stato di forma. La stessa Gamba si è ben difesa anche sui 200, chiudendo all'ottavo posto in 25"06. Ha fatto esordio nei 200 anche la junior Beatrice Mazza segnando il crono su un promettente 25"89. Nel triplo, Maria Moro (under 23) cerca di mettersi alle spalle un periodo non fortunato, chiude al quinto posto con 11,95: la sua tenacia merita incoraggiamento e la fiducia di rivederla a più alti livelli. Come lo stesso plauso è rivolto alla generosa Stefania Gussago (junior) che nella stessa gara ha una misura di 10,54. Nel salto in lungo Roberta Ferri (junior) non trova la pedana giusta accontentandosi di un insolito (per lei) 4,88.
Quattro i moschettieri in gara al campo comunale di Saronno. E qui il migliore tra gli assoluti è stato il "piccolo" (si fa per dire) junior Mirko Bonacina che ottiene due nuovi primati personali. Nella gara del lancio del peso (kg.7,260) dove si piazza primo degli junior con la misura di 12,77. Il secondo personal best lo guadagna nel disco (kg.2) con un bel lancio di 43,03 che, anche qui, lo piazza davanti agli altri junior.
Gabriele Buttafuoco (under 23) staziona sui buoni livelli già dimostrati nelle precedenti uscite sui 100 piani con il tempo di 11"11 e settimo nella classifica finale che ha visto alla partenza ben 102 concorrenti, tra i quali anche Emanuele Vitali al rientro agonistico dopo lunga assenza (11"96 il suo tempo). Buona anche la prova di Diego Guarnerio (under 23) nel giro di pista, nono in 50"23.
Per lo scudetto bisogna ora attendere la finale oro in programma a Sulmona il 24 e 25 settembre. Epilogo tricolore dove l'Atletica Estrada ancora una volta avrà parte fondamentale sia con le femmine della Camelot e sia con i maschi della 100 Torri Pavia e Riccardi Milano.
Nel corso della settimana c'è stato un interessante sipario nella notturna giovanile di Rovellasca per Gabriel Ciocca dove ha ritoccato il suo personale sulla distanza dei 1500 a 4'09"32.
Domenica prossima "gita" ad Aosta. L'appuntamento è per l'ottavo Meeting Nazionale "Sandro Calvesi".

martedì 5 luglio 2011

Meeting estivi: si miete a Donnaz, Nembro e Cernusco


É L'ORA DEI MEETING ESTIVI

Gabriele ButtafuocoLaura Monterisi
In attesa della seconda e ultima fase dei campionati di società assoluti, programmata per questo weekend a Saronno per le squadre maschili e a Cinisello Balsamo per quelle femminili, la settimana appena trascorsa ha principalmente riservato l'attenzione su tre importanti meeting di caratura internazionale e nazionale. E' questa infatti la stagione dei meeting che porterà l'atletica leggera sino ai nuovi appuntamenti federali di settembre-ottobre culminanti, a livello societario con la finale oro degli assoluti e under 23, la finale regionale per cadetti/e e sul versante individuale, i campionati italiani allievi/e e cadetti/e. Il tutto intercalato dai campionati del mondo di fine agosto a Daegu (Corea). Insomma, un bel menù.
Il primo dei tre meeting della settimana appena trascorsa si è svolto a Pont Donnaz in Val d'Aosta per il tradizionale "Via col Vento" alla sedicesima edizione. Buone le prestazioni dei nostri "figli del vento" in gara. Laura Gamba conferma di essere velocista di razza e dopo quanto recentemente dimostrato a Bressanone, dà segno di una ritrovata affezione con i 100 piani fermando il crono a 11"97 suo nuovo e significativo primato stagionale, perché sotto il muro dei 12 secondi e perché sta andando forte come non la vedevamo dal 2009.
Come molto forte è andato Gabriele Buttafuoco, da quest'anno convertitosi alla velocità dopo le tribolazioni fisiche patite nel salto in lungo. Anche per lui è significativo il personale 10"86 messo a segno in Valle d'Aosta (ben al di sotto del precedente 11"21) in quanto entra a far parte della graduatoria degli all times Estrada succedendo tra gli under 23 all'ex velocista Luca Carioli che dal 2007 occupava stabilmente la prima posizione con 10"96. Nella gara promesse in luce anche Diego Guarnerio al suo esordio da centometrista, battezzato con 11" netti, che non è niente male.
Il secondo appuntamento del weekend è stato il Meeting Giovanile di Bergamo tenutosi a Nembro. Meeting nazionale che riscontra sempre una grandissima partecipazione di atleti e che è giunto alla XXIV Edizione. Folto il gruppo Estrada presente ed interessanti anche i risultati.
Iniziamo con gli allievi. Davide Carpani conferma la sua buona vena andando a vincere i 400 piani in 50"74 confermando ancora una volta di essere al top in Italia nella categoria allievi con l'augurio di mantenersi tale, con il lavoro estivo, anche in occasione dei tricolori di Rieti in programma agli inizi di ottobre. A podio anche Michela Villa nei 100 hs, seconda col tempo di 16"16. Segnaliamo la quarta piazza di Matteo Ingiardi nei 100 con 11"60 e i quinti posti di Sara Adobati nel lungo (4,87) e Diana Gusmini nei 1500 (5'11"56). Tra le cadette la migliore è stata Elisabetta Severgnini medaglia di bronzo nel peso con 10,89. Interessante il sesto posto di Simona Bosco nella gara degli 80 piani, soprattutto per il personale di 10"43. In campo maschile Giuseppe Leonardi è giunto terzo nei 300 piani con 37"40.
In luce le velociste della categoria ragazze ad iniziare dalla vittoria importante di Laura Monterisi nei 60 piani. La "Ragazza più Veloce della Gera D'Adda 2011" si è fatta valere a Nembro con il bel personale di 8"50. Dietro a lei un affermazione di squadra con il quarto posto di Michela Goffi (8"67), il quinto di Aurora Sambati (8"73) ed il piazzamento di Chiara Dognini (9"10).
Terzo meeting della settimana è stato il Trofeo Volpi a Cernusco sul Naviglio. Ritorna alla vittoria Mirko Bonacina nel disco juniores con la misura di 48,39. Secondo posto, tra le promesse, di Federico Zucchinali con 45,22. In questo meeting votato al mezzofondo, ancora una positiva prova dello Simone Viola, secondo tra gli junior, sulla distanza dei 3000 col personale di 8'51"70.

martedì 28 giugno 2011

Il battesimo azzurro di Luca Cacopardo

Luca Cacopardo

Con Luca Cacopardo l'Italia under 17 vince la World Cup of Schools 2011

"E' stata una grande emozione ricevere per la prima volta la convocazione in nazionale. Correre con la maglia azzurra ti dà una forte carica interiore, ma allo stesso tempo più responsabilità. L'esperienza é stata positiva sotto tutti i punti di vista, perché all'aspetto agonistico si é unito un forte spirito di amicizia, sia con i compagni di squadra che con i ragazzi delle altre rappresentative. Spero che questa sia solo la prima convocazione, e lavorerò molto affinché questa esperienza possa ripetersi in futuro."
Queste le parole del nostro Luca Cacopardo appena rientrato da Bydgoszcz (Polonia), fresco della sua prima maglia azzurra in difesa della nazionale allievi impegnata con i campionati scolastici al "Jean Humbert Memorial World Cup for Schools 2011". Una edizione falcidiata da continui temporali che però non hanno impedito agli azzurrini di conquistare entrambe le classifiche (maschile e femminile), aggiudicandosi il trofeo. Peculiarità dell'evento internazionale a carattere studentesco, con una sessantina di squadre di 30 Paesi di tutto il mondo, è stato il fatto che ciascun atleta si è cimentato in due differenti specialità. E così i 6 allievi e le 6 allieve della selezione italiana hanno collezionato una serie di risultati che ha poi permesso di centrare il successo a squadre. Comprendiamo ampiamente pertanto la doppia gioia di Luca, quella del battesimo in azzurro accompagnato dalla vittoria di squadra.
Peraltro il nostro allievo porta a casa dei risultati individuali lusinghieri: infatti ha ottenuto il terzo posto sui 300 hs col tempo di 39"71, la quarta piazza nel salto in lungo con il personale di 6,68, portando alla causa italiana ben 133 punti ai quali si sono aggiunti altri 85 punti grazie al quinto posto nella staffetta svedese dove Luca ha corso la frazione dei metri 300. Bravo Luca, rotto il ghiaccio, non resta che decuplicare l'impegno affinchè alla prima maglia se ne aggiungano tante altre nel corso del tempo.
Dopo la rassegna under 23 e juniores di Bressanone, nel fine settimana si sono svolti gli italiani assoluti a Torino. Per i nostri colori, ancora forfeit di Marta Maffioletti che sta lentamente recuperando dall'infortunio patito agli Universitari e l'onore è ancora tutto per Laura Gamba, settimana scorsa oro in staffetta U23 e che a Torino è salita sul terzo gradino del podio, sempre con la 4x100 unitamente alle compagne Camelot Elena Sordelli, Martina Fugazza e Michela D'Angelo (46"24), prima squadra civile dietro a Forestale ed Esercito.
Mattia Gabbiadini non riesce a ripetere l'exploit di Bressanone anche per via di mal di schiena e si accontenta di un normale 55,50 nel martello. Sulla pedana del disco si riscatta parzialmente Federico Zucchinali con la misura di 45,44 molto meglio della settimana prima. La "piccola" junior Beatrice Mazza, davanti alle veterane assolute, cerca di dare il meglio di sé nei 400 hs fermando il crono a 1'03"22 che risente forse anche della settimana delle prove di maturità.
Gli eventi delle settimane scorse ci avevano costretto a tralasciare l'importante gara di Curno del 14 giugno, dove erano in gioco alcune maglie provinciali. E il bottino Estrada si è concretizzato con una bella cinquina che ci pare doveroso recuperare ed evidenziare. Eccoli dunque i nuovi campioni bergamaschi, 3 nella categoria allievi e 2 in quella cadetta. Partendo dagli allievi, rieccoci con Michela Villa vincitrice di 400 hs con 1'06"14 e poi Sara Adobati nel lungo (4,84) ed infine Matteo Ingiardi nei 100 piani allievi (11"49). Le maglie di campioni provinciali cadetti sono andate a Giorgia Tura prima sugli 80 hs (personale di 13"38) e a Giuseppe Leonardi ormai affermato trecentista (personale di 36"79). Da Curno segnaliamo anche i personali di Emma Robustelli (44"01 nei 300), Michela Goffi (20"64 nei 150) e di Soufiane Tahrir (3'05"91 nei 1000). 

martedì 21 giugno 2011

C.I. Promesse: Gamba oro, Guarnerio argento e Gabbiadini bronzo


Bressanone - Campionati italiani junior e promesse

LAURA GAMBA 4x100 TRICOLORE

Diego GuarnerioLaura GambaMattia Gabbiadini
Argento per Diego Guarnerio e bronzo per Mattia Gabbiadini
Tanti gli eventi di questo intenso weekend di atletica leggera, culminato a Bressanone con i campionati italiani individuali junior e promesse, dal quale, la sempre nutrita pattuglia Estrada (10 atleti schierati in 17 gare), rientra con un positivo bilancio di buon metallo: un oro, un argento e un bronzo e - aggiungiamo pure - due "medaglie di mirra".
In assenza della convalescente Marta Maffioletti (che poteva sicuramente ambire al titolo sui 400 piani), è la sempre affidabile Laura Gamba ad accollarsi la medaglia di campionessa italiana con la staffetta 4x100 under 23 della Camelot (46"96) con le compagne Squassabia, Colombo e D'Angelo. Una Gamba "d'oro" che così centra il suo 13° titolo italiano in carriera. I complimenti si associano anche per i brillanti risultati conseguiti nelle prove dei 100 e 200 piani dove la velocista ha rispolverato il suo bel talento con due primati stagionali: 24"82 nei 200 (quinta) e 12"14 nei 100 (settima).
L'argento mette un bel sorriso alla promessa Diego Guarnerio che ha passato un inizio di stagione martoriato. Posto nella prima frazione della 4x400 della 100 Torri é stato determinante per il podio (3'19"46 valido come minimo per gli assoluti), assieme a Trionfo, De Mezza e Ribolzi.
Il bronzo di Mattia Gabbiadini nel martello promesse è una super medaglia perché l'atleta, sempre al limite dei 56 metri, con una gara perfetta ha fissato il suo nuovo personal best niente di meno che a 57,99 metri ! E con la meritata medaglia si è pure guadagnato un posto agli assoluti di Torino dove avrà la prima occasione per superare un nuovo muro.
Dicevamo anche di due medaglie di mirra, insomma quei maledetti quarti posti che lasciano sempre un po' di amaro in bocca ma che alla brava junior Beatrice Mazza auguriamo di porre a fondamento di un personale rilancio. L'emozione gli ha compromesso la gara dei 400 hs, finita (1'03"58) ad un pugno di centesimi dal bronzo, stesso piazzamento con la 4x400 della Camelot (3'59"78), sfortunatamente inserita nella serie delle meno forti, nonostante la sua bella cavalcata nella frazione finale.
Bravo Simone Viola che ha azzardato di correre sia nei 5000 (15'49"78) che nei 3000 siepi (9'52"48, undicesimo) juniores. Sapeva di non avere grandi chance ma il suo obiettivo è stato raggiunto con personali in entrambe le gare.
Nel settore lanci ci si poteva aspettare qualcosa di più nel disco. Lo junior Mirko Bonacina va in finale e si piazza la quinto posto al suo primo anno di categoria, ma la misura (46,10) è al di sotto delle sue possibilità. Lo stesso vale per Federico Zucchinali, nono nella gara delle promesse, con 42,74.
La pedana di Bressanone non porta decisamente fortuna alle saltatrici. Maria Moro infila tre nulli nel triplo promesse. Tra le junior segnaliamo il settimo posto di Roberta Ferri nel triplo (11,76), più staccata Federica Basani (11,42). Le due non accedono alla finale del lungo fermandosi a 5,53 (Basani) e 5,47 (Ferri). Assieme combinano buone cose nelle rispettive frazioni della 4x100 Camelot (sesta in 49"38).
In attesa di notizie da Bydgoszcz (Polonia) dove è impegnato l'azzurrino Luca Cacopardo nell'ambito della "Jean Humbert Memorial World Cup for Schools 2011", il weekend agonistico ha proposto il tradizionale "Trofeo dei Laghi", manifestazione riservata alla categoria cadetti selezionati dalle rappresentative provinciali. La squadra bergamasca ancora una volta seconda dietro alla corazzata Milano-Lodi. In evidenza, tra i migliori, gli argenti di Alessandro Spinelli col personale nel giavellotto (secondo in 42,15), Riccardo Brambilla nella 4 km di marcia (20'40"06) e Simona Bosco nei 150 piani (19"40).
Nel prossimo numero ci occuperemo più a fondo dell'esperienza azzurra di Luca Cacopardo e recupereremo notizie dei campionati provinciali di Curno del 14 giugno, oltre che parlare degli assoluti in programma nel weekend a Torino.

martedì 14 giugno 2011

Ancora ragazzi sugli scudi: 4 titoli provinciali


RAGAZZI CAMPIONI BERGAMASCHI

Michela GoffiGiorgio Bosco

S. Tahrir, E. Ihemeje, A. Papetti
Dopo il successo di squadra fioccano i titoli individuali
Questo fine settimana sarà caratterizzato dai campionati italiani individuali juniores e promesse in svolgimento a Bressanone e dalla prima partecipazione azzurra di Luca Cacopardo con la rappresentativa nazionale allievi in Polonia.
Nel frattempo, dopo il titolo regionale ottenuto dalla squadra ragazzi in Valtellina, si sono susseguite numerose gare e meeting prevalentemente giovanili.
Nel corso del VI Meeting Nazionale Giovanile di Chiari del 2 giugno si segnala la doppietta nei 400 hs allievi con tempi di ottima fattura: primo Luca Cacopardoin 55"49 davanti a Davide Carpani per 21 centesimi di secondo. Ma bravo pure lo junior Simone Viola vincitore della gara dei 1500 con 4'09"67, tempo che lo stesso atleta ha poi ritoccato all'Arena di Milano con il nuovo personale di 4'07"01. Per chiudere la cronaca di Chiari annotiamo, per la gara dei 300 piani, l'argento di Simona Bosco (41"56) ed il bronzo maschile di Giuseppe Leonardi col personale di 37"13.
Ai campionati regionali individuali assoluti di questo ultimo weekend, a Lodi, ha visto la presenza solo maschile di nostri atleti. Ancora Simone Viola in bella forma: per lui il nuovo personale di 9'55"77 nei 3000 siepi e primo tra gli juniores. Bronzo per Mattia Gabbiadini nel martello, sempre ad alto livello (55,68). Riappare Gabriele Buttafuoco in versione velocista (11"21 sui 100) ed anche Diego Guarnerio con un buon rientro dopo lo stop da infortunio (50"09 nel giro di pista). E poi ancora lo jr Andrea Bertocchi (400 hs in 57"82), Paolo Vicario (triplo con 12,31), i 5000 con Simone Viola (16'42"95) e Gianmarco Luggeri (17'56"28) e Gabriel Ciocca (2'01"10 sugli 800).
Ben tornata alle gare anche ad Emma Robustelli, argento a Desenzano sul Garda nel lungo cadette con la misura di 4,79. Bronzo per Danny Legramandi nei 100 hs (14"80) e quinta piazza per Giorgia Tura (80 hs in 13"92).
Torniamo a parlare dei ragazzi, perché il 4 giugno a Casazza erano in palio i campionati provinciali. Ottima la tripletta in campo maschile per opera di Emanuel Ihemeje nei 60 ostacoli vinti con un bel 9"5. Sorprende ancora Giorgio Bosco, dimostrando doti di futuro lanciatore vincendo il titolo nel vortex con una superlativa misura di 61,75! Ed infine veste la maglia di campioni bergamaschi il trio Soufiane Tahrir, Andrea Papetti e Emanuel Ihemeje vittorioso nella staffetta 3x800 (7'41"8).
Per le ragazze arriva il titolo nel salto in lungo grazie alla vittoria di Michela Goffi con 4,19.
Nel corso della manifestazione vi sono state gare riservate alle altre categorie. Per sintesi citiamo le vittorie dell'esordiente Leonardo Pioldi nei 600 (1'55"4) e nei 40 hs (7"4), gara vinta tra le femmine anche da Valeria Paccagnella (7"1).
Ora l'obiettivo si sposta su Bressanone, come dicevamo in apertura. Folta la partecipazione del nostro gruppo junior e promesse a questa rassegna tricolore che purtroppo sarà orfana di Marta Maffioletti infortunatasi ai recenti campionati italiani universitari.
Per ultimo, ma non per importanza, occhi puntati su Bydgoszcz (Polonia) per assistere al battesimo azzurro di Luca Cacopardo convocato per la "Jean Humbert Memorial World Cup for Schools 2011", in programma dal 18 al 23 giugno. Peculiarità dell'evento internazionale a carattere studentesco, a cui sono attese una sessantina di squadre di 30 Paesi di tutto il mondo, è il fatto che ciascun atleta debba cimentarsi in due differenti specialità e al "nostro" Luca spetterà difendere i colori azzurri nei 300 hs e nel lungo. In bocca al lupo!

giovedì 2 giugno 2011

RAGAZZI, CHE SQUADRA !




A Chiuro Valtellina conquistato il titolo regionale
Quella dei campionati di società è sempre una pagina che racchiude tante storie, dei singoli atleti e dell'intera squadra, che in un susseguirsi incessante di gare di ogni specialità porta a vivere, minuto per minuto, attimi di vera suspense al continuo aggiornamento di classifica.
Ed è proprio quello che è successo alla nostra squadra ragazzi a Chiuro Valtellina nella finale regionale dei campionati di società dove erano presenti le migliori 18 squadre maschili e femminili della Lombardia.
Partiti con un punteggio accumulato nelle precedenti gare provinciali, valide per la qualificazione, che li vedeva al secondo posto dietro alla compagine del Saronno, i "piccoli eroi" di Chiuro, se pur contati al minimo delle forze, hanno dato il meglio di sé, accumulando nel corso della giornata ben 4 vittorie individuali su 8 gare, oltre ad un bronzo e ad altri importanti piazzamenti. Un bel tesoretto di punti che ha rischiato di svanire proprio all'ultima gara, quando il quartetto schierato per la staffetta 4x100 (Alemayeu-Romano-Luchena-Ihemeje) è incorso in un banale (ma non fatale) errore ai cambi. Un istante drammatico che però non ha fermato la volontà di proseguire in una rincorsa disperata, ma sufficiente a tenere distante di 6 punti il sopravanzare in classifica della Riccardi Milano. Finalmente campioni! E nella storia è il terzo titolo regionale vinto dalle nostre squadre ragazzi.
L'opera magna porta soprattutto il merito dei 4 vincitori individuali: Soufiane Tahrir nei 1000 (3'10"1), Emanuel Ihemeje nel lungo (4,50), Giorgio Bosconel vortex (56,44) e Tommaso Martelli nel peso (13,20), ma anche del bronzo (sempre nel peso) di Giovanni Luchena (11,93), del quarto posto di Alfredo Romano nei 60 hs (9"3); ma alla luce del risultato di staffetta è stato determinante il punteggio guadagnato da Gabriele Gianatti nella 3 km di marcia. A supporto della squadra anche le prestazioni di Alemayeu Bonalumi nei 60 e di Diego Pala nell'alto.
Ardua invece l'impresa della squadra ragazze, inizialmente accreditata al nono posto e che tuttavia ha saputo salire la china, guadagnandosi una discreta quarta piazza finale, grazie soprattutto ad una super vittoriosa staffetta composta da Autora Sambati-Michela Goffi-Giulia Pisana-Laura Monterisi che con 53"8 ha siglato la migliore misura stagionale a livello regionale. Il resto delle gare in programma, come da pronostico, sono state vissute in difesa con i piazzamenti di Laura Monterisi e Michela Goffi nei 60, Francesca Caseri e Lucrezia Gritti nei 1000, Giulia Pisana nell'alto, Chiara Dognini e Tasha Owosu nel lungo, Sara Mirto e Marta Tocalli nella marcia, Annamaria Castelli e Martina Ziliati nel vortex e Francesca Facchinetti e Autora Sambati nei 60 hs. Dopo 7 ininterrotti anni di continue vittorie, ci si può accontentare di questo piazzamento.
Resta l'importante considerazione che tra tutte le 36 squadre finaliste, il computo dei punteggi in combinata (somma punti delle squadre maschili e femminili) vede l'Atletica Estrada ancora prima assoluta in Lombardia.
Alla positiva notizia di questo ennesimo trionfo si è aggiunta anche la convocazione ufficiale di Luca Cacopardo nella rappresentativa azzurra allievi che dal 18 al 23 giugno sarà schierata a Bydgoszcz (Polonia) per la Coppa "Jean Humbert". Un battesimo azzurro di cui parleremo nelle prossime cronache ma che già viviamo con grande partecipazione e soddisfazione.
Il 2 giugno è stato anche il giorno del meeting Giovanile di Chiari che per la grandissima affluenza di atleti ha messo a dura prova l'organizzazione, prolungando di molto l'orario delle gare per le quali, al momento di andare in stampa, non sono pervenuti i risultati di cui daremo conto in altra occasione.