Atletica Estrada - sito ufficiale

lunedì 8 ottobre 2018

IL PESO DI EMMANUEL MUSUMARY E' TUTTO D'ORO


Campione italiano con lo strepitoso lancio di 17.90

Al termine di una stagione ricca di risultati, l’ultimo acuto per i nostri colori arriva da Rieti dove si sono svolti i Campionati Italiani under 16, con lo straordinario gesto di Emmanuel Segond Musumary, dominatore della gara del peso con un formidabile lancio di m. 17,90 che non ha lasciato margini di rimonta agli avversari, rifilando quasi 2 metri e mezzo al secondo classificato.
Esultiamo insieme al nuovo campione italiano U16 che lo scorso anno si era affacciato nella specialità del peso conquistando l’argento, confermando di avere stoffa e grinta in pedana e con l’auspicio che il titolo di Rieti sia un trampolino di lancio per nuovi traguardi.
Alla vigilia la speranza era quella di arrivare al podio tenuto conto che Emmanuel ha subito un lungo stop a causa della frattura alla tibia subita cinque mesi fa. Da poco rientrato alle gare, Emmanuel aveva dimostrato un buon recupero già due settimane fa in occasione dei campionati regionali dove vinse il titolo con 16,15.
Ora il “botto” tricolore di Rieti lo consacra negli annali dell’atletica italiana perché il suo 17,90 mette pressione alla top 10 di sempre, diventando l’undicesimo pesista italiano under 16 e aggiorna di un metto e 26 il primato provinciale under 16 stabilito nel lontano 1991 da Costantino Cattaneo.

Gaia Morelli, Beatrice Rinaldi e Emmanuel Musumary coi tecnici P. Brambilla e A. Cacopardo
Da Rieti la nostra pattuglia è rientrata anche con il sorriso di Beatrice Rinaldi  che si è classificata al quinto posto nella finale dei 300 hs, acciuffata in batteria con un ottimo 46”56 che, se ripetuto in finale avrebbe fruttato il bronzo. Brava anche Gaia Morelli nel salto triplo, forse un po’ tradita dall’emozione del palcoscenico nazionale e che purtroppo è rimasta esclusa per un solo cm dalla finale delle migliori 8.

lunedì 17 settembre 2018

SCUDETTO REGIONALE CON LE CADETTE


15^ titolo regionale nella categoria cadette

Nella finale dei campionati regionali di Società tenutasi a Bergamo, la squadra cadette bissa il successo dello scorso anno conquistando il 15° scudetto lombardo della nostra storia su ventisette partecipazioni: un vero ineguagliabile record che rimarca una volta di più la tradizione di eccellenza del nostro settore giovanile magistralmente guidato da tecnici di grande valore. Una vittoria che, in questo anno, si aggiunge ai titoli vinti a giugno dalle squadre delle ragazze e dei ragazzi per un totale di ben 44 scudetti regionali.
La due giorni di Bergamo ha consolidato il primato delle nostre cadette che, dopo le qualificazioni provinciali, si erano affacciate alla finale nel ruolo di favorite dovendo temere l’assalto di squadre milanesi ben equipaggiate. E’ stata però la vittoria della consacrazione del gioco di squadra perché i 430 punti della classifica sono stati conquistati in ogni specialità e da tutte le atlete che in ogni gara hanno dato il massino. A livello individuale spicca l’oro di Gaia Morelli nel triplo e della staffetta 4x100 con Corrado Emma, Vimercati Rebecca, De Capitani Chiara e Oggionni Rahel ma anche le terze piazze di Beatrice Rinaldi nei 300 hs, Emma Corrado nel triplo e Chiara Liviani nella marcia.
Bravi anche i cadetti che dall’ottavo posto di accredito che precedeva la finale, hanno risalito la china classificandosi al quarto posto grazie anche ai punti pesanti arrivati dal peso con il gigante Emmanuel Segond Musumary vincitore con la misura di 16,10 e il brillante bronzo di Mikola Sangalli nella 5 km di marcia.


E i marciatori conquistano il Trofeo Frigerio
Un weekend che ha esaltato l’Atletica Estrada anche nella marcia giovanile con la straordinaria vittoria del prestigioso Trofeo Ugo Frigerio, un vero e proprio campionato di specialità suddiviso in dieci tappe, da gennaio a settembre, conclusosi a Vimodrone. I nostri giovani marciatori hanno praticamente vinto tutto quanto c’era sul banco, dal Trofeo Frigerio per quanto riguarda la classifica generale, sino alle coppe di specialità (Trofeo Cassani per la classifica femminile e Trofeo Meneguzzo per quella maschile) grazie anche in questo caso al formidabile lavoro di gruppo capitanato dall’inossidabile Giancarlo Corazza.

E poi la pagina della Coppa Campioni con la Bracco Atletica impegnata nella finale oro di club a Castellon vicino a Valencia in Spagna. La squadra decisamente giovane e nelle cui file hanno militato ben 7 nostre atlete (Valeria Paccagnella, Tisiye Zuniga, Francesca Aquilino, Rachele Merisio, Alessandra Iezzi, Alice Facchi e Elisa Rossoni) ha chiuso all’ottavo posto. Il miglior piazzamento a livello individuale è quello di Valeria Paccagnella, terza sui 400 ostacoli in 1:01.92.



giovedì 13 settembre 2018

SI RICOMINCIA


Grande attesa per Coppa Europa e CDS Cadetti

Dopo l'ottima esperienza del ritiro estivo a Cles e le prime schermaglie di inizio settembre, l'ultima parte della stagione 2018 entra nel vivo con appuntamenti di livello.
Coppa Campioni o meglio la Coppa Europa di Club juniores su pista che nel fine settimana in Spagna (Castellon) vedrà impegnata la Bracco Atletica in squadra con le nostre junior protagoniste.
E poi la finale regionale dei campionati societari per cadetti in programma a Bergamo dove saranno schierate le nostre squadre femminile e maschile. Cadette che puntano seriamente al podio e cadetti che cercheranno di piazzarsi tra le prime compagini under 15 in regione. 

mercoledì 25 luglio 2018

lunedì 9 luglio 2018

FEDERICO MANINI CAMPIONE D’EUROPA!


Meraviglioso oro per la staffetta italiana U18

L’esordio azzurro del nostro Federico Manini non poteva essere così incredibile. L’allievo allenato da Paolo Brambilla è approdato all’appuntamento europeo grazie agli ottimi risultati di questa primavera (in particolare il suo 10”67 sui 100 metri) e il selezionatore azzurro Stefano Baldini ne ha giustamente tenuto conto nella composizione della squadra azzurra under 18 per l’appuntamento di Gyor (Ungheria). E il nostro velocista non ha deluso le attese, dapprima con l’obbiettivo raggiunto di prendersi un posto in semifinale dei 100 piani e poi di conquistarsi la maglia di titolare nel quartetto della staffetta svedese (100-200-300-400) nella delicata frazione dei 100 metri che lo ha visto sfrecciare davanti a tutti gli avversari consegnando per primo il testimone al compagno di squadra Federico Guglielmi per i 200 m, con l’Italia che ha condotto la gara sempre in testa anche le successive frazioni dei 300 con Domenico Rossi e dei 400 con Lorenzo Benati, siglando un tempo finale di 1'53”01, con una esplosione di gioia che dalla casa azzurra di Gyor è subito rimbalzata da noi attaccati al schermo della diretta televisiva e scatenata dai numerosi messaggi social: grande Italia, bravissimo Federico!
L’oro di Federico riluccica intenso nella bacheca Estrada che già splendeva dei bronzi continentali di Martina Gabrielli del 2005 a Kaunas nella marcia juniores e di Laura Gamba a Tampere del 2013 nella staffetta 4x100. Senza contare i tanti quarti posti mondiali di Marta Avogadri (Santiago del Cile, 2000) ed europei di Marta Maffioletti e Laura Gamba (Novisad, 2009), Eleonora Sirtoli (Debrecen, 2007) e tutti i piazzamenti ottenuti in maglia azzurra dagli atleti Estrada in questi anni.
A Gyor Federico Manini ha timbrato la presenza n.108 in azzurro per i colori Estrada, un movimento che testimonia la bontà del lavoro sulle piste di Treviglio e Caravaggio.