Atletica Estrada - sito ufficiale

lunedì 15 settembre 2014

LE NOSTRE SCUOLE DI ATLETICA



Al via i centri di avviamento allo sport di Treviglio, Caravaggio e Bagnolo

Con l’avvio dell’anno scolastico, riproponiamo il progetto dei Centri di Avviamento allo Sport (CAS) nei tre centri di Treviglio, Caravaggio e Bagnolo Cremasco (vai al link specifico sulla destra per saperne di più sugli orari ed altro).
Si tratta di una realtà ormai consolidata e che ogni anno richiama centinaia di bambini ai quali non viene offerto un programma di specifica specializzazione ma una esperienza motoria e di sviluppo fisico completo e stimolante, una proposta gioco-sport educativa ed avvincente.

Sul versante agonistico, ormai è tutto pronto per affrontare le prossime ultime quattro settimane di fuoco della stagione. Si inizierà con questo weekend dove il piatto forte è rappresentato dai campionati regionali di società per cadetti. In tema di societari, abbiamo già raggiunto l’obiettivo di piazzare tutte le 4 squadre maschili e femminili nelle finali lombarde e come sappiamo, per quanto riguarda la categoria ragazzi c’è stata la conquista del titolo lombardo a giugno della squadra maschile e l’argento di quella femminile. Ora, a Mariano Comense, tocca agli under 15 che nel lotto delle 18 squadre finaliste risultano outsider e si giocheranno sino alla fine la possibilità di un podio.
Ci sarà in settimana anche un importante test per velocisti e saltatori al Meeting Nazionale di Savona.
Le gare dell’ultima settimana hanno visto trionfare all’Arena Civica di Milano Beatrice Mazza nella gara dei 400 hs (ottimo 1’02”28) con il titolo di campionessa provinciale milanese .
Le restanti gare hanno interessato le categorie giovanili in rassegne provinciali. Ad Alzano Lombardo, nuovo successo per Leoni Suman nei 60 ragazzi insieme a Davide Zucchinelli (7”9 per entrambi). Argento per i cadetti Beatrice Grassa nel peso, Amina Vailati e Andrea Cavalli nel triplo, Amos Galbiati nei 100 hs; bronzo per Fernando Ghezzi nei 300. Francesca Hristova tra le ragazze è seconda nel peso e terza nel disco. Tra gli esordienti c’è stata la vittoria a Curno da parte di Rebecca Vimercati nel salto in lungo accompagnata sul podio da Camilla Pavone (seconda). Infine, altra abbuffata di risultati a Cremona con le vittorie delle cadette Alice Codebue nei 300 hs, Francesca Riva nell’alto, Alice Cassaghi nel peso (per lei anche il bronzo nel martello). Alla loro prima gara, Dario Guerretti è secondo negli 80 e Matteo Samarani terzo nel martello. Nella categoria ragazzi spicca la vittoria di Alice Facchi nei 60 piani e le terze piazze  di Federica Chiodo (60 e alto) e Agostino Doneda (60).

Da segnalare la crescita dell’allievo Marco Serina che nella Corrida San Gerolamo di Torre de Roveri (circuito Diamond Cup) si classifica al sesto posto.

martedì 9 settembre 2014

LEONI E FALCO: UN OSTACOLO PER DUE

Samuele Falco e Suman Leoni

Pari merito per i nostri ragazzi primi in regione 

In avvicinamento agli ultimi verdetti stagionali che riguarderanno principalmente le categorie maggiori (da cadetti in su), ad animare la settimana agonistica appena trascorsa sono stati i giovani ragazzi che – avendo ormai archiviato il titolo regionale di giugno – trovano ancora spazio e voglia per mettersi in mostra.
E’ quanto è successo a Casazza nell’ambito della manifestazione provinciale giovanile, dove le vittorie complessivamente conseguite dal nostro gruppo sono state cinque, contornate da tre argenti e cinque bronzi. Spiccano in particolare le prestazioni dei ragazzi Suman Leoni e Samuele Falco protagonisti indiscussi delle gare degli ostacoli e dei 150 piani. Il podio più alto dei 60 hs se lo sono diviso a metà per la vittoria assegnata ad entrambi con lo stesso notevole tempo di 8”9 che li consolida in vetta alle graduatorie regionali 2014. Nella gara dei 150, il podio è tutto Estrada, con Leoni primo (18”2), Falco secondo (18”4) e Davide Zucchinelli terzo (18”8).
Bene anche Federica Chiodo vincitrice del salto in lungo con 4,46 e Francesca Hristova prima nel peso con la misura di 9,58. Da segnalare l’argento di Francesca Riboni nei 1000 (3’28”4). Nella categoria cadetti, nuova vittoria per Elisa Rossoni nei 1000 (3’04”8), argento per Francesca Riva nell’alto (1,40) e i bronzi di Amos Galbiati negli 80 (9”8), Andrea Cavalli nel lungo (5,37) e Gabriele Spotti nei 300 hs (43”2). Folta la partecipazione degli esordienti, dove la migliore prestazione l’ha registrata Francesco Andrico con la terza piazza nel vortex (33,40).
Nel corso della settimana, il Gran Premio del mezzofondo Città di Brescia, ha messo alla prova il campione italiano allievi Christian Bapou che si è giunto secondo con 49”44 insieme al compagno Emmanuel Ihemeje piazzato con 50”74. Piazzamento anche per Daniele Rizzi nei 100 (11”54) nella riunione interregionale all’Arena di Milano. Infine, ai campionati regionali individuali junior e promesse di Chiari, la migliore è stata la jr Emma Robustelli, quarta nel lungo (4,67) e sesta nei 200 (26”77). Piazzati Mattia Riganti, nei 100 (11”36) e 200 (23”25) e Carlo Facheris negli 800 (1’58”70).    

lunedì 1 settembre 2014

4x100 AZZURRA PER TASSANI E LEGRAMANDI



A Cles esordio con la nazionale allievi

Siamo rientrati alla base dopo una intensa settimana di preparazione in ritiro sulle Dolomiti del Cadore, pronti ad affrontare la seconda parte della stagione open.
A dire il vero, un ghiottoso antipasto si è già consumato in Val di Non con il XXII Meeting Nazionale Melinda di Cles, località che ha ospitato anche il raduno della nazionale allievi con al seguito i nostri Daniela Tassani e Danny Legramandi che in occasione del meeting, hanno esordito con la maglia azzurra, entrambi con la staffetta 4x100. Staffette che hanno straripato, vincendo davanti a compagini di categoria assoluta. Daniela Tassani ha corso in terza frazione con le compagne Fattori, Niotta e Calliari (46”74), mentre Danny Legramandi è stato il primo frazionista tra gli allievi e che ha lanciato Basso, Polo e Pettorossi (41”84). Per loro è la prima maglia azzurra e, per stare in tema con il meeting, possiamo augurare ad entrambi “cogli la prima mela” con l’augurio che l’esperienza con il gruppo della nazionale possa durare a lungo.
Approfittando della vicinanza a Cles, tutto il gruppo in ritiro a Calalzo è sceso compatto in Val di Non per tifare i compagni azzurri. Nell’occasione, qualche atleta ha avuto anche l’opportunità di gareggiare, pur avendo un notevole carico di lavoro nelle gambe. In ogni caso, sono arrivati anche i primi responsi che lasciano trasparire buoni segnali per le gare importanti che si succederanno dalla seconda metà di settembre sino ad ottobre. Parliamo innanzitutto di Valeria Paccagnella che ha stravinto i 300 hs cadette col tempo di 45”81. Nella stessa gara, brava anche Beatrice Codebue (53”50). Piazzamenti per le altre cadette, Beatrice Lidi e Amina Vailati  negli 80 piani, le allieve Simona Bosco, Lucrezia Gritti, Aurora Sambati nei 100 piani ed Elisa Tonoli nel giro di pista.
In campo maschile, l’allievo Reda Chaboun si impone nel salto in lungo con il personale di 6,74 e che ha dimostrato di essere quasi vicino ai sette metri mancati per tre nulli millimetrici. La concorrenza di atleti assoluti ha dato stimoli ai “piccoli” allievi (primo anno di categoria) Christian Bapou nei 100 piani (personale di 11”04) e Emmanuel Ihemeje nei 400 (51”18). Ma anche Alfredo Romano e Marco Vavassori hanno ben figurato nei 100. Infine i cadetti, con l’ottimo esordio di Amos Galbiati piazzatosi al terzo posto sia nei 100 hs in 14”69 (piazzato Gabriele Spotti) e sia negli 80 piani con 9”85. Bene i compagni Luis Ghezzi e Andrea Cavalli.
Ad Albino buon test per alcuni ragazzi. In evidenza l’esordiente Emma Corrado che nel lungo si è imposta con la misura di 3,94, nuovo record societario di categoria e i personali delle seicentiste Elisa Rossoni (cat. cadette) e Francesca Riboni (cat. ragazze).

lunedì 28 luglio 2014

CARTOLINA AZZURRA

Luca Cacopardo sfiora la finale
undicesimo al mondo, secondo in Europa
Dall’Oregon riceviamo e pubblichiamo la bella cartolina del mondiale di Luca Cacopardo, alfiere della squadra azzurra juniores  impegnato nella gara dei 400 hs. Abbiamo palpitato in diretta streaming dapprima per l’esordio in batteria dove Luca ha saputo tenere testa a chi aveva migliori accrediti di tempo ed è stato subito un’esultare di gioia. Padrone degli ostacoli è riuscito nell’impresa di accedere al turno successivo con il tempo di 51”97 che nel computo generale è risultato essere il quinto migliore tempo delle batterie. Ancor più emozionante la diretta della semifinale, che si sapeva essere la gara più dura e decisiva. Ma forse per la grande pressione, il sogno della finale è svanito quasi subito quando alcune incertezze iniziali hanno compromesso la gara. A nulla è valsa la grande rimonta nella seconda parte dove Luca ha coraggiosamente risalito la china sino al quarto posto fermando il crono a 51”90, purtroppo non sufficiente per i ripescaggi. Col senno di poi ci si può anche rammaricare (con il suo personale di 51”29 fatto a Torino poche settimane fa sarebbe stato sicuramente della partita fra i migliori cinque e opportunità come queste sono irripetibili) ma nei fatti non è così facile gestire questi momenti e chissà quante volte Luca rivivrà e rivedrà la sua semifinale per trovare ancor più consapevolezza dei suoi grandi mezzi e per un sogno azzurro che deve continuare a lungo. Rimane ora la soddisfazione di essere undicesimo al mondo di questa specialità e il secondo in Europa ad un soffio dal tedesco Hanssen. Bravissimo!

A Rovereto Assoluti d'argento

Maffioletti, Mazza e Tassani solo dietro le "militari"

A Rovereto si sono consumati i campionati italiani assoluti di atletica leggera, sempre più nel segno delle supercorazzate militari. Ne sanno qualcosa le nostre atlete che dal Trentino sono tornate con le medaglie d’argento nelle staffette.
La 4x100 della Bracco-Estrada capitanata da Marta Maffioletti con Laura Gamba, Sara Balduchelli e l’allieva Daniela Tassani fissa il tempo a 45”93 ma deve arrendersi alla forte compagine della Forestale. Stessa sorte per la 4x400 dove a prevalere è la squadra dell’esercito: Marta Maffioletti questa volta in compagnia di Beatrice Mazza, Giulia Alberti e Flavia Battaglia vanno forte con 3’40”44, ma è ancora argento.
Individualmente, prima delle staffette, Marta Maffioletti è stata protagonista di una eccezionale gara sulla distanza dei 400 piani, acciuffando da subito la finale nella prima giornata di gare e tirando fuori le unghie nella gara decisiva conclusasi con il sesto posto assoluto (lei che è al primo anno in questa categoria) e con il personalone di 54”21! Chapeau a Libania Grenot vincitrice della gara in 50”55, crono importante, il più veloce d’Europa nel 2014. 
Sul versante maschile, segnaliamo la bella prova di Federico Zucchinali nel disco: c’entra l’obbiettivo della finale, siglando il suo personal best stagionale di 48,56 ed è nono. Nel martello Mattia Gabbiadini si piazza con 54,16 e nella velocità Gabriele Buttafuoco non ripete il personale di poche settimane fa fermandosi, nei 100, a 10”79. Tutta esperienza per l’allievo Reda Chaboun (per lui un normale 13,89) e poi tutte staffette, sia con il citato Buttafuoco che con la compagine della Riccardi sfiora la medaglia di bronzo (quarto con 40”87 ma anche qui in gioco ancora i militari delle Fiamme Gialle) e poi i “piccoli” allievi Estrada in forza al Pavia: Christian Bapou nella 4x400 (quinta piazza in 3’14”79) e Danny Legramandi nella 4x100 (42”29). Correre al fianco ai loro miti è stato sicuramente uno stimolo in più.